Un Nido per Crescere

Il Nido è un luogo pensato e organizzato intenzionalmente per rispondere sia alle esigenze di gioco, di relazione, di espressione del bambino, che ai bisogni e alla necessità di sostegno del genitore nelle sue responsabilità educative. Gli spazi del Nido, gli arredi, le proposte di gioco sono pensati e realizzati in funzione dell’apprendimento, della comunicazione, delle relazione. Entrando al Nido si trova un contesto diverso da quello familiare, tutto però è predisposto per accogliere il bambino nei suoi primi momenti di separazione della famiglia e gli spazi, che per lui diventeranno gradualmente significativi, sono rassicuranti e stimolanti. Le fondamenta che sostengono i significati dell’esperienza al Nido, sono costituite da principi funzionali alla crescita del bambino. Grazie all’alleanza educativa che si instaurerà con la famiglia, in un rapporto fondato sulla fiducia e sulla condivisione di principi educativi, il Nido offrirà al bambino tante occasioni di scoperta e di sperimentazione. Il Nido è per il bambino il luogo delle “prime volte”; aiutato dalle educatrici, inizierà un viaggio alla scoperta del mondo che alimenterà il suo interesse, il piacere e il desiderio di parteciparvi.

Il Percorso Educativo

L’esperienza in Nursery assume un signifi cato educativo in quanto valorizza e dà senso alle molteplici attività del bambino; la quotidianità è scandita da una successione di tempi e di modalità diversifi cate per le varie fasce d’età. Le offerte di gioco e le attività riferite alle diverse età si alternano a interventi fl essibili e individuali per accogliere le esigenze di tutti i bambini. Il lavoro di cura è progettato e fa parte integrante del percorso pedagogico.

Il gioco euristiko, tante sacche con serie diverse di oggetti, per combinarli fra loro, sperimentare, scoprire, riconoscere, riordinare;

il gioco simbolico ed il travestimento, per giocare ad imitare mamma e papà, per favorire il naturale desiderio di crescita e l’autonomia;

il laboratorio di pittura, un grande pannello per dipingere con tempere, colori a dita, acquerelli, sperimentare polveri e gessetti, pennelli di tante misure, pennelli da barba (semplici e interessanti), spazzole, spugne, rulli, spatole, per riconoscere i colori, sviluppare manualità, dipingere liberamente e lasciare una traccia di sé;

il laboratorio delle farine e granaglie, un grande tavolo, setacci, colini, imbuti, mattarelli, forchette, cucchiai, ciotole, stampini e formine per provare sensazioni diverse affondando le mani nelle farine, scoprire impronte e creare giochi di tracce, raccogliere, versare, riempire;

il laboratorio del fare, i bambini, in gruppo o da soli, si impegnano a strappare e tagliare carta, cartoncino, stoffe, usare colle di diverso tipo, matite, pennarelli, pastelli a cera, conoscere materiali diversi che sviluppano capacità cognitive, manipolative ed espressive;

il pranzo, per sperimentare il piacere di stare insieme, scegliere il cibo e le quantità desiderate, imparare ad usare posate, a versare l’acqua, imboccare il compagno, piccole conquiste ogni giorno;

il bagno, momento di relazione individuale adulto-bambino, trasmissione di messaggi profondi e affettivi che fanno sentire particolarmente importanti;

il sonno, rituali finalizzati a passaggi sereni e risvegli dolci accanto ai compagni.

Richiesta informazioni
I campi con * sono richiesti

I campi evidenziati con * sono obbligatori